Aloe: tutto quello che c’è da sapere…

Aloe: tutto quello che c’è da sapere…

L’Aloe (Aloe vera (L.) Burm. f. = Aloe barbadensis Miller) è una pianta carnosa, che cresce in zone dal clima caldo e secco; possiede lunghe foglie lanceolate con margine seghettato e spinoso.

L’infiorescenza che si innalza dal centro delle foglie va dal colore giallo al rosso.

Delle foglie di aloe si utilizzano 2 parti: il gel (principalmente per cosmetici e prodotti dermatologici) e il succo o lattice, per uso orale.

Il gel è ottenuto per incisione profonda delle foglie e contiene:

  • acqua (98.5% circa)
  • polisaccaridi, tra cui pectine, glucomannano e acemannano
  • glicoproteine, come aloctine A e B
  • amminoacidi
  • enzimi
  • steroli (campesterolo e β-sitosterolo)
  • acidi fenolici

Il gel non contiene derivati antracenici ad attività lassativa.

Il succo o lattice si ottiene per incisione degli strati superficiali delle foglie ed è composto da:

  • derivati idrossiantracenici, l’aloina è il componente principale, dalle forti proprietà lassative
  • resine (15% circa)
  • glicoproteine

L’aloe costituisce la base di molte preparazioni sia cosmetiche che farmaceutiche grazie alle molteplici proprietà dei suoi componenti.

 

Quali sono gli impieghi principali dell’aloe gel in cosmetica?

  • azione idratante, poiché i principi attivi riequilibrano il fattore d’idratazione cutaneo (NMF); i polisaccaridi legano grosse quantità di acqua e si rigonfiano, formando una sorta di gel che va a riempire gli spazi liberi nel derma, donando turgore alla pelle.

Utile anche come impacco per capelli

  • azione lenitiva, grazie agli enzimi e alle glicoproteine che inibiscono la formazione di molecole pro-infiammatorie.

Il suo impiego risulta utile anche in caso di eritema solare e scottature, grazie alle sue proprietà mucillaginose ed antinfiammatorie.

E’ utilizzato anche in caso di psoriasi, per favorire il trattamento topico

  • azione cicatrizzante, l’acemannano è capace di promuovere la crescita di nuovo tessuto (stimolazione dei fibroblasti). Il suo utilizzo è efficace anche in caso di bruciature e nel trattamento dell’acne
  • azione fotoprotettiva, grazie alla sua capacità schermante contro i raggi UV. E’ risultato utile anche in caso di lesioni tissutali da radiazioni da radioterapia

Il gel può essere assunto anche sotto forma di bevanda, con le indicazioni di: immunomodulante, lenitivo in caso di intestino irritabile e contribuente al controllo della glicemia nel diabete non insulino-dipendente.

Il succo o lattice, seccandosi facilmente all’aria, può essere ridotto in polvere fine e far parte di compresse o capsule.

Gli utilizzi del succo sono:

  • lassativo, in caso di stipsi occasionale (l’effetto si manifesta circa 8 ore dopo l’ingestione)
  • immunomodulante e antiossidante, assunto però in dosi tali da controllare l’effetto lassativo; viene utilizzato anche per prevenire gli effetti avversi della radio- e chemio-terapia
  • digestivo

 

Dott.ssa Giulia Smedile di NaturalGreen

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *