Latte di asina: alimento & cosmetico!

Latte di asina: alimento & cosmetico!

Il latte di asina è il più simile in composizione a quello materno: per questo motivo si ricorre all’utilizzo del latte d’asina nei casi in cui la mamma non può allattare il bambino a causa di mancanza di latte oppure di intolleranze al latte proprio o vaccino.

Come è composto il latte d’asina?

  • acqua (90% circa)
  • proteine, tra cui il lisozima e la lattoferrina, utili per l’azione antimicrobica e per rafforzare il sistema immunitario
  • lattosio (6.7% circa)
  • grassi (0.4% circa), tra cui acidi grassi della serie omega 3 e 6
  • vitamine e minerali

La produzione del latte d’asina è limitatissima se la paragoniamo alla vacca (circa 2.5 litri al giorno contro i 25-30 litri) o ad altri animali da latte. In Europa le fattorie dedite alla produzione del latte di asina sono pochissime; in Italia ne abbiamo solo una di medie dimensioni in Emilia Romagna.

Dopo la mungitura, il latte di asina viene portato alla temperatura di circa 4°C per evitare la proliferazione batterica.

Negli ultimi tempi si è risvegliato l’interesse per questo animale un po’ dimenticato, sia per le esigenze di prodotti per neonati sia per l’impiego in cosmetica.

Il latte di asina “fresco” non può essere utilizzato tal quale in una formulazione cosmetica, poiché potrebbe alterare la stabilità del prodotto finito; per questo motivo il latte subisce un processo di liofilizzazione: vengono garantite tutte le proprietà benefiche e non si altera la composizione.

La liofilizzazione permette l’allontanamento dell’acqua senza l’utilizzo di alte temperature (al contrario si sfruttano bassissime temperature), in modo da non degradare i principi attivi contenuti.

Vediamo come sfruttare i vari componenti del latte d’asina in cosmetica:

  • Vitamine A, C, D, E e del gruppo B; svolgono azione antiossidante, accelerano il processo di produzione di collagene e rallentano quindi l’invecchiamento cutaneo.

Mantengono, inoltre, una giusta idratazione cellulare e rendono la pelle più resistente alle intemperie

  • Acidi grassi della serie Omega 3 e 6; conferiscono un’elevata elasticità alla pelle, riparando le membrane cellulari, rallentano l’invecchiamento cutaneo, contrastano i radicali liberi e sono degli ottimi antinfiammatori
  • Lattoferrina, utile come stimolante delle cellule cutanee; consente la purificazione della pelle acneica e grassa grazie all’attività fungicida e antimicrobica. Possiede, inoltre, azione antinfiammatoria, antiossidante e lenitiva
  • Minerali, tra cui calcio, fosforo, magnesio, ferro, sodio e zinco; riducono la fragilità capillare e proteggono dagli agenti climatici esterni
  • Amminoacidi, tra cui la lisina; fungono da supporto nutritivo per le cellule
  • Lisozima, che protegge la cute e il cuoio capelluto dalle infiammazioni e dai microbi; utile come preventivo per eczemi e psoriasi

I fibroblasti vengono stimolati a fondo, per cui si ottiene un’elevata produzione di collagene e acido ialuronico endogeni.

Il latte d’asina, quindi, è in grado di:

  • ridurre le rughe, ristrutturando e riparando l’impalcatura della cute
  • combattere la secchezza cutanea, idratando e nutrendo in profondità
  • minimizzare le irritazioni delle pelli sensibili, grazie alle proprietà antinfiammatorie e lenitive
  • contrastare i radicali liberi e l’acne

 

Dott.ssa Giulia Smedile di NaturalGreen

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *